Caso Piastri-Alpine, Szafnauer è una furia: «Mai visto nulla del genere». Poi la minaccia

img

Negli scorsi giorni, dopo la notizia del passaggio di Fernando Alonso in Aston Martin, l'Alpine ha rilasciato un comunicato in cui ha annunciato Oscar Piastri come partner di Esteban Ocon per la prossima stagione. Poco più tardi, però, l'australiano - che attualmente è il pilota di riserva della squadra - ha smentito l'annuncio del team, rivelando che nel 2023 non correrà per esso (andrà alla McLaren).

Intervenuto all'emittente spagnola El Confidentcial, il boss della squadra francese, Otmar Szafnauer, si è soffermando sulla controversa vicenda, affermando che si sarebbe aspettato maggiore lealtà dal giovane pilota ex Formula 2. Di seguito le sue dichiarazioni.

Le parole di Szafnauer su Piastri

Szafnauer innanzitutto ha detto: "Abbiamo un contratto con Piastri, lo ha firmato a novembre. Abbiamo parlato con i nostri legali e ci hanno detto che questo è un contratto vincolante, e questo ci permette di mettere Oscar in una delle nostre auto nel 2023. Motivo per cui abbiamo rilasciato il comunicato stampa".

Poi ha continuato: "C'è anche un'opzione per il 2024 e la possibilità per noi di 'prestare' il pilota a un'altra squadra. Volevamo Fernando con noi per un altro anno e poi un 'prestito' di Oscar per il 2023. Ho sempre detto in tutte le mie conferenze stampa che Piastri sarebbe stato in Formula 1 nel 2023. Sapevo che avrebbe potuto essere nella nostra macchina o in un'altra macchina, in prestito, se Fernando fosse rimasto. Ma Alonso, per chissà quale motivo - e credo di conoscerne le ragioni - va all'Aston Martin. Così abbiamo iniziato a finalizzare l'accordo con Piastri, e invece di tradirlo abbiamo deciso di mettere lui nella nostra macchina. Da qui, la dichiarazione.

Lo sfogo

"Nel piano da cento gare su cui stiamo lavorando, credo ci sia spazio anche per Piastri. E lo abbiamo sostenuto. Ci dovrebbe essere una certa lealtà visto che abbiamo investito letteralmente milioni e milioni di euro per prepararlo. Quindi non lo capisco nemmeno io, dovresti chiederglielo. Non ho mai visto niente del genere. Mi aspettavo più lealtà da Piastri. Dovrebbe averla con quel team che si è preso cura di lui, che lo ha portato al Mondiale e, soprattutto, che nell'ultimo anno lo ha messo su una monoposto di Formula 1 affinché fosse pronto per il 2023. Mi aspettavo più lealtà da Oscar di quella che sta dimostrando. Ho iniziato nel 1989 in Formula 1 e non ho mai visto niente del genere. E non si tratta di Formula 1, si tratta di integrità come essere umano. Con lui abbiamo fatto sette test indipendenti e questo non è per niente economico. Il costo di un solo motore è di 1.750.000 euro. I meccanici, il team che ha gestito quei test, i voli e i viaggi... Abbiamo speso tanti, tanti soldi per Piastri per prepararlo al futuro. E, se quel futuro non è con noi, è logico e giusto che cerchiamo un risarcimento".

RacingNews365.com, a tal riguardo, riferisce che Alpine intenderebbe presentare una richiesta al comitato di riconoscimento del contratto potenzialmente già lunedì.

×