Haas, Steiner: «I fan adorerebbero la coppia Hulkenberg-Magnussen. Ricciardo? Deve chiamarci lui»

img

Nel corso della giornata di ieri, dopo aver dato conferma dell’avvenuto rinnovo tra Tsunoda e l’AlphaTauri per la stagione 2023 (leggi qui), avevamo dato uno sguardo ai posti rimasti ancora da riempire in vista del prossimo campionato del mondo di Formula1 (approfondisci). Tra questi il sedile occupato attualmente da Mick Schumacher.

Mick ha il 50% di probabilità di mantenere il posto

Il destino del figlio del sette volte iridato, Michael, non è ancora chiaro. La Haas non ha ancora ben deciso se sostituirlo o concedergli un’ulteriore opportunità. Una sorta di situazione di stallo, avvalorata anche dalle parole rilasciate dal team principal della squadra in un’intervista concessa ai tedeschi di ‘RTL’:Le probabilità che Mick rinnovi sono del 50%. Non ci siamo imposti una scadenza, non volevamo aggiungere una maggiore pressione. A differenza degli altri team abbiamo tutto il tempo che vogliamo e questo è un vantaggio che non sprecheremo”.

Hulkenberg una valida alternativa

Tra i candidati più probabili alla sua sostituzione troviamo Nico Hulkenberg. Connazionale del 23enne che nonostante le sue indubbie doti di guida e le 181 partenze effettuate non è ancora riuscito a salire nemmeno una volta sul podio della massima categoria del motorsport: Nico porterebbe sicuramente molta esperienza. Guardando a lui ci siamo chiesti cosa avrebbe potuto fare per migliorare la squadra e spingerci al top”, ha affermato Gunther Steiner parlando delle possibilità di ingaggio del 35enne. “Avere un pilota giovane in squadra rappresenta sicuramente un rischio maggiore perché non sai fino a che punto potrà arrivare. Credo che i fan adorerebbero vedere correre in coppia Hulkenberg e Magnussen nel 2023”.

E su Ricciardo...

Un altro pilota che potrebbe presto diventare il compagno di squadra del danese è Daniel Ricciardo. Rimasto a piedi dopo l’anticipata rescissione del contratto con la McLaren. Riguardo le sue chance però, Steiner è stato abbastanza chiaro: Daniel deve decidere da solo cosa vuole fare. Penso che cercare di convincerlo non abbia molto senso. Se avesse voglia di intraprendere un percorso con noi ci chiamerà. Se non lo farà si prenderà probabilmente un anno sabbatico”, ha concluso.

 

Leggi anche: L'ex Red Bull choc: «Marko mi ha traumatizzato. Sono andato in cura, ma la notte piango ancora»

Leggi anche: F1 - I piloti confermati per la stagione 2023

Foto: Haas

×